bianco-ctm
logo-ctm
logo-ctm-bianco

facebook
whatsapp

© CTM - Centro Teatrale Meridionale - Tutti i diritti sono riservati. All rights reserved. P.I. 00887340800 Realizzato da VOLGO Agenzia Pubblicitaria.
 

È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente portale, ivi inclusa la memorizzazione, riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione dei proprietari.

ANFITRIONE

05/04/2022 01:00

Redazione

PRODUZIONE, Anfitrione, Commedia teatrale, Divinità greche, Equivoco, Identità, Trama complicata, Divertente, Gioco di potere, Dinamismo recitativo, Commedia dell'arte,

ANFITRIONE

Una commedia basata su un divertente equivoco degli dei dell'Olimpo, con una trama complicata e uno smarrimento di identità che porta a situazioni esilaranti.

anfitrione.jpeg

Plauto
Traduzione adattamento e regia Livio Galassi
Con Debora Caprioglio (Bromia), Franco Oppini (Anfitrione/Zeus)
e con Giorgia Guerra (Alcmena), Lorenzo Venturini (Sosia), Federico Nelli (Mercurio)
Musiche Luciano Francisci
Scenografica Giovanni Nardi
Fonica/Luci Ludovica Costantini
Produzione CTM Centro Teatrale Meridionale e Generazioni Spettacolari
 

Dall’Olimpo scendono sul palco gli dei a divertirci e coinvolgerci con la spudorata beffa che solo una divina perversione può escogitare, a danno dell’ignaro Anfitrione di cui Giove ha preso l’aspetto per sostituirsi a lui nel talamo nuziale accanto alla bella Alcmena; protetto dalla sadica complicità di Mercurio che ha assunto le sembianze del servo Sosia. Ma quando Anfitrione ritorna vittorioso dalla guerra... qui si scatena la sbrigliata fantasia di Plauto, magistralmente esaltata dal gioco dei doppi, degli equivoci, dello smarrimento di identità che ci conduce a contemporanee alienazioni.
La trama si complica, si contorce, si arrovella fino al più esilarante, inestricabile parossismo che solo il “deus ex-machina” riuscirà felicementea dipanare.

Mi accosto a questo “ANFITRIONE” con la ricostruzione delle sue pirotecniche lessicali, reinventando – per quanto possibile - le sue godibili sonorità, uno snellimento della trama a favore di una più diretta comunicativa, un dinamismo gestuale e recitativo che ripercorre le feconde intuizioni che, nate da Plauto, attraverso la Commedia dell’arte sono giunte fino a noi. Uno scoglio non da poco la perdita di circa trecento versi, e nel momento più significativo della commedia: l’incontro dei due Anfitrioni.
Aggrappandomi agli sporadici frammenti, mi sono applicato a intuire, più che nuovi dialoghi, l’esilarante alienazione che può nascere dall’incontro di tutti i doppi: quindi pochi efficaci dialoghi in funzione dell’analisi psicologica, della mimica, delle attese del pubblico, a descrivere teatralmente uno smarrimento di identità collettivo – purtroppo perduto. Sottolineo inoltre il cinico gioco di potere “di chi può”, che getta scompiglio e rovina nei destini umani; in Plauto tutto si risolve felicemente, nella vita invece...
 

Livio Galassi